Bonus sicurezza 2022

Il Bonus Sicurezza 2022 permette di beneficiare di una detrazione fiscale pari al 50% per le spese relative all’installazione di sistemi antifurto, allarmi e videosorveglianza. L’obiettivo del sostegno è quello di migliorare la condizione generale di sicurezza nelle abitazioni, per cui copre diversi tipi di lavori. Il limite massimo di spesa consentita per accedere al bonus è di 96.000 €. Il rimborso avviene sotto forma di detrazione dell’IRPEF e si suddivide in 10 quote annuali di pari importo.

Secondo una recente proroga, sarà possibile chiedere l’accesso alla detrazione fino al 31 dicembre 2024, nell’ambito di tutte le manutenzioni e gli interventi finalizzati alla sicurezza dell’abitazione. I proprietari di casa, o chi ha un diritto sull’immobile specifico, possono sostenere le spese per acquistare impianti di sicurezza, ma non solo.

Il bonus può essere richiesto da diversi soggetti, purché abbiano tutti un diritto reale sull’immobile, ovvero ne siano proprietari o soggetti similari. In particolare, l’agevolazione fiscale può essere richiesta da:

  • Proprietari e nudi proprietari dell’immobile;
  • Soggetti che hanno un diritto reale sull’immobile: usufrutto, uso, abitazione;
  • Soggetti locatari;
  • Soggetti comodatari;
  • Soci di cooperative;
  • Imprenditori individuali per immobili che non sono beni strumentali;
  • Familiare convivente del soggetto che ha la proprietà dell’immobile, se sostiene la spesa, documentata con le fatture;
  • Coniuge, anche separato, del soggetto che ha la proprietà dell’immobile, se sostiene la spesa, documentandola con le fatture;
  • Convivente del soggetto proprietario dell’immobile, che sostiene la spesa e a cui sono intestate le fatture.


I passaggi per accedere al Bonus: 

  1. Effettuare l'ordine inserendo tutti i dati, tra cui: Nome, Cognome, Indirizzo di residenza, codice fiscale, email e telefono, scegliendo 'Bonifico bancario' come metodo di pagamento.
  2. Attendere l'emissione della fattura da parte nostra. Verrà inviata via email nelle ore successive all'acquisto.
  3. Ricevuta la fattura, predisporre un bonifico parlante per ristrutturazione edilizia, inserendo nella causale questa dicitura:

 

Per fare il pagamento, si deve andare nella sezione bonifici/pagamenti sul sito della banca, e selezionare ‘Bonifico per agevolazioni fiscali’. Dopo di che vanno compilati i vari campi e alla voce ‘Riferimento Causale’ va selezionato ‘Recupero patrimonio edilizio - art. 16 - bis turi’. Nella causale va inserito ‘FATTURA nr. XXX/2022 del XX/XX/XXXX’.

 

A bonifico accreditato, procederemo alla spedizione dell'ordine, allegando il codice tracking per l'aggiornamento della consegna.

Per qualsiasi informazione aggiuntiva, siamo disponibili su Whatsapp al numero 3246615147